Decreto Agrivoltaico

 

Il Ministero dell’Ambiente ha pubblicato il decreto dipartimentale n° 251 del 31 maggio 2024, che approva l’aggiornamento delle regole operative e dei bandi per la partecipazione al DM Agrivoltaico.

Dal 4 giugno 2024 fino alle ore 12:00 del 2 settembre 2024 sarà possibile presentare domanda per un contributo a fondo perduto per la realizzazione di impianti agrivoltaici innovativi, tramite un’apposita sezione sul sito del GSE.

 

Cos'è l’Agrivoltaico?

L’agrivoltaico rappresenta una soluzione integrata tra attività agricola e produzione elettrica, che ha lo scopo di valorizzare entrambi i sottosistemi senza andare ad impattarne il potenziale e il beneficio di ciascuno. 
L’impianto agrivoltaico è costituito da un impianto fotovoltaico che ha la caratteristica di preservare la continuità delle attività agricole e pastorali sul sito della sua installazione, ottimizzando simultaneamente l’uso delle risorse del suolo e dell’energia solare.

Esso prevede:

 

A chi si rivolge l'Agrivoltaico?

Il contributo a fondo perduto previsto dal DM Agrivoltaico è rivolto ai seguenti beneficiari:

Sono esclusi dal contributo quei soggetti che hanno un volume d’affari annuo inferiore a €7.000, in quanto esonerati dalla tenuta di una contabilità IVA. Inoltre, non possono accedere agli incentivi nemmeno gli impianti i cui lavori siano partiti precedentemente alla presentazione dell’istanza di partecipazione alle procedure bandite ai sensi del decreto.

 

Agevolazioni

Le risorse a disposizione, stanziate dai fondi del PNRR per l’installazione di nuovi impianti, corrispondono a 1,1 miliardi di euro da erogare come contributi in conto capitale. In aggiunta a questo, il GSE riconosce anche una tariffa incentivante a seguito di determinate condizioni. Si dividono quindi così le agevolazioni:

 

Interventi e spese ammesse

Possono beneficiare degli incentivi previsti dal decreto solamente i sistemi agrivoltaici che utilizzano impianti di produzione di energia elettrica di nuova costruzione e che abbiamo una potenza nominale superiore a 1 kW. 

Incentivi Agrivoltaico

Le tipologie di spese ammissibili, come illustrato nel decreto, sono le seguenti:
a) realizzazione di impianti agrivoltaici avanzati (moduli fotovoltaici, inverter strutture per il montaggio dei moduli, sistemi elettromeccanici di orientamento moduli, componentistica elettrica);
b) fornitura e posa in opera dei sistemi di accumulo;
c) attrezzature per il sistema di monitoraggio previsto dalle Linee Guida CREA-GSE, ivi inclusi l’acquisto o l’acquisizione di programmi informativi funzionali alla gestione dell’impianto;
d) connessione alla rete elettrica nazionale;
e) opere edili strettamente necessarie alla realizzazione dell’intervento;
f) acquisto, trasporto e installazione macchinari, impianti e attrezzature hardware e software, comprese le spese per la loro installazione e messa in esercizio;
g) studi di prefattibilità e spese necessarie per attività preliminari;
h) progettazioni, indagini geologiche e geotecniche il cui onere è a carico del progettista per la definizione progettuale dell’opera;
i) direzioni lavori, sicurezza, assistenza giornaliera e contabilità lavori;
j) collaudi tecnici e/o tecnico-amministrativi, consulenze e/o supporto tecnico-amministrativo.

 

Requisiti progettuali

 

Sei interessato ad accedere ai fondi del decreto Agrivoltaico ma non sai se hai i requisiti giusti? Contattaci senza impegno e ti forniremo tutte le informazioni necessarie: commerciale@albasolar.it

P.IVA/C.F. 00607520046 - Capitale Sociale: Euro 100.000,00 int. vers.

ALBASOLAR S.r.l. 

Impianti fotovoltaici

Corso Barolo, 17 - Alba (CN)
12051 - Piemonte - ITALY

Società del Gruppo

Marengo Gruppo

Contatti

Tel +39.0173.285882
Fax +39.0173.283069
commerciale@albasolar.it

Copyright © 2024 All Rights Reserved
Whatsapp